ROSELUXX “Resti di una cena”, 2013, Goodfellas

Torno sull’esordio dei Roseluxx dopo avervi raccomandato un loro video in questo post di qualche tempo fa.
Otto canzoni per un disco tra i più maturi e consapevoli che mi siano passati tra le mani in questo nuovo millennio abbastanza avaro di musiche importanti. In questo disco il gruppo è composto da Tiziana Lo Conte (voce ed elettroniche), Claudio Moneta (chitarre), Federico Scalas (contrabbasso e violoncello) e Cristiano Luciani (batteria) coadiuvati da alcuni ospiti di assoluto spessore.

Roseluxx-Resti di una Cena-Copertina Disco

Arrangiamenti “post” molte cose (post-wave, post-punk, post-rock…) per musiche che trovano un’ottimo equilibrio tra la forma-canzone tradizionale e l’assenza di retorica e banalità. Ogni canzone suona fresca ed originale, con uno spazio dedicato all’improvvisazione (o perlomeno ad un alto grado di libertà lasciato ai musicisti) e una grande capacità di evitare soluzioni scontate deviando le canzoni verso atmosfere e situazioni inaspettate, ma sempre piacevoli all’ascolto (anche se, vi avviso, non sono brani che vi convinceranno al primo ascolto, sono musiche che programmaticamente vi richiederanno pazienza e attenzione, ma che, in cambio, sapranno rendervi felici e soddisfatti).
Insomma un gruppo che spicca moltissimo nella realtà odierna troppo spesso caratterizzata dall’appartenenza (verrebbe da dire) ortodossa a determinate scene all’interno delle quali si sviluppa soprattutto la capacità di essere bravi (anche bravissimi) a muoversi dentro certe coordinate ma poi, inevitabilmente, si suona un po’ tutti uguali.
In estrema sintesi: un gruppo con grande personalità.

Si va dalle atmosfere lente e rassegnatamente realistiche di “Città morbida” (con l’ottimo violino ospite di Inke Kuhl) a quelle più accelerate di “Non luogo” (con la presenza del sax incisivo e personalissimo di Luca Mai), brano nel quale c’è anche spazio per una seconda parte tutta immobilità tra dark-ambient e drone music, passando per i toni un po’ teatrali un po’ tribali (con qualche eco Gronge nel ritornello marziale) di “Maledire i ritorni“.

Ci sono poi canzoni che uniscono una tranquilla cantabilità, sarebbero perfette per passare in radio, a ottimi testi claustrofobici e/o drammatici, come l’iniziale “Il cane” o come la bellissima “Oscuro scrutare“, che nel fotografare efficacemente certa solitudine contemporanea sfodera chitarre mutaforma in gran spolvero o, ancora, come “Resti di una cena” che dopo una breve introduzione improvvisata lascia spazio a un brano a metà tra Massimo volume e i mai dimenticati Franti.
Infine ci sono brani meno canonici, ma non per questo meno potabili, dove il gruppo affronta forme ancora più aperte: è il caso di “Per volere di dio“, sussurrata e strascicata ma fulminante, o la sinuosa “Qualcosa di fisico” (con la voce di Emidio Clementi, ultimamente onnipresente su queste mie pagine).

Il tutto servito con le ottime performance di tutti i musicisti (con un mio particolare apprezzamento per il canto di Tiziana Lo Conte che sta raggiungendo una maturità espressiva superba) e dei testi anch’essi lontanissimi da banalità e le odiatissime (da me) auto-referenzialità ombelicali che spesso pullulano nella scena nostrana contemporanea.

Qui si cerca di volare più in alto.

E ci si riesce.

About these ads

6 thoughts on “ROSELUXX “Resti di una cena”, 2013, Goodfellas

  1. tiziana scrive:

    Finalmente una recensione che passa per il centro.
    Grazie da parte dei Roseluxx

  2. tiziana scrive:

    grazie alle tue impressioni…

  3. Claudio scrive:

    Appare evidente la differenza tra una recensione dei pur bravi recensori delle riviste che per lavoro “devono” farlo nei tempi previsti, e chi si prende il suo tempo per ascoltare e analizzare un lavoro che è costato mesi a chi lo ha prodotto e ne scrive con passione e consapevolezza.

  4. tiziana scrive:

    Tra poche ore ti farò sapere dove suoneremo a Roma…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...