BJORK “Medulla”, 2004

Bjork riesce ogni volta a stupire. Continua imperterrita a praticare un progressivo svuotamento della forma canzone sfrondandola sempre più da tutto ciò che non è necessario. E se questo processo sembrava compiuto con “Vespertine” il suo nuovo lavoro riesce ad andare molto più avanti.

Al centro di tutto c’è la voce di Bjork, il suo strumento per eccellenza, la sua straordinaria capacità interpretativa, la sua istintiva vocalità così sfuggente e mai accomodante. A questa vengono avvicinate altre voci e, con parsimonia, qualche piccola sequenza elettronica, un pianoforte e poco altro.

Il risultato, e qui sta l’aspetto incredibile, non è quello di un disco di avanguardia (anche se in un paio di pezzi sono evidenti i riferimenti alle tecniche vocali sviluppate da Meredith Monk) ma un disco di canzoni. Canzoni che abbastanza facilmente impariamo a canticchiare e non risultano particolarmente ostili (almeno quelle non cantate in islandese 😉 ).

Un progetto che ha del miracoloso e che fa sorgere una domanda: dove arriverà la piccola islandese la prossima volta ?

2 thoughts on “BJORK “Medulla”, 2004

  1. sifossifoco scrive:

    😀

  2. Beatrice scrive:

    E’ vero, Bjork è una continua sorpresa e questo disco ne è un’ennesima prova… io non riesco a smettere di canticchiare “Where is the line” :-)))

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...