SUD SOUND SYSTEM “Reggae party”, 1999, V2 records

Negli ultimi mesi, come al solito approfittando del ricorrente abbassamento dei prezzi dei CD, ho recuperato alcuni degli ultimi lavori di questo gruppo salentino e, più precisamente, “Reggae party“, “Musica musica” (2001) e “Lontano” (2003). I SSS sono un fenomeno unico e. per molti versi, straordinario del panorama italiano. Straordinaria è la longevità di questo collettivo che, seppur cambiando, ampliando e riducendo la formazione (attualmente sono praticamente un trio formato da Don Rico, Terron Fabio e Nandu Popu) ormai calca le scene italiane dai primissimi anni ’90 e che può vantare un enorme numero di special guest nei loro dischi (qui, ad esempio, abbiamo una riuscita collaborazione con gli Africa Unite).
Straordinaria è la coerenza del progetto che, partito dai centri sociali e dalle autoproduzioni non ha patito minimanente il passaggio ad etichette di grandi dimensioni risultando impermeabile a qualunque forma di condizionamento.
A distanza di oltre 15 anni sono riusciti a mantenere la loro credibilità, a non perdere l’incredibile mix di entusiasmo e dilettantismo che li ha sempre caratterizzati (pur facendo decine di concerti non sono mai diventati dei professionisti della canzone e questo si avverte immediatamente, e piacevolmente, se si assiste ad uno dei loro concerti). I loro testi non si sono affatto ammorbiditi continuando a trattare i loro temi classici (la dura vita nella provincia del sud Italia e la bellezza della loro terra, l’astio per i politicanti e l’odio per la guerra, l’amore e la voglia di divertirsi, l’invito ai giovani a prendere nelle proprie mani la propria vita, la legalizzazione dell’erba…) utilizzando, con rare eccezioni, il loro musicalissimo dialetto. Nessuna pretesa di fare poesia, testi semplici ed essenziali, comprensibilissime testimonianze contemporanee nelle quali è facile riconoscersi. In alcuni casi sono arrivati ad un passo dalla retorica o dall’ovvietà, ma quello che sempre salva il risultato finale è la loro schiettezza e sincerità.
Nessun giovanilismo o tentativo di dire alle persone ciò che vogliono ascoltare, ma l’espressione urgente e senza intermediazioni di alcuni ragazzi che solo la passione per la musica in levare ha portato sul palco, ma che in nulla e per nulla si distinguono da coloro che li ascoltano.

Musicalmente non hanno ceduto di un millimetro continuando imperterriti con il loro raggamuffin d.o.c. inframmezzato dagli immancabili lovers e qualche puntatina piu dance abbinata a qualche spruzzata dell’inevitabile taranta (principale gloria musicale della loro terra). Un gruppo che riesce ad abbinare una invidiabile chiarezza sul proprio progetto ad un rigore ed una “fedeltà alla linea” stupefacente (quanti gruppi abbiamo visto col passare degli anni abbandonare i suoni grezzi e caldi degli esordi per poi realizzare dischi iper-prodotti che all’ascolto risultano freddi e distanti ? Quante volte imparare il mestiere del musicista toglie freschezza ed energia alla musica ?).

Questo ottimo lavoro probabilmente non è la loro opera migliore, ma va sottolineato che nessuno dei loro dischi mi è mai risultato deludente a partire dal loro debutto su vinile (il 12″ “Fuecu“) che scosse con energia e calore tipicamente meridionali la scena delle posse tutta adagiata su coordinate che da Roma arrivavano fino a Milano.

Non posso però non dirvi che anche il migliore dei loro dischi non vale la metà dei loro set dal vivo, pirotecnici e intensissimi (siamo quasi ai livelli, per chi li ricorda, dei concerti dei Mano negra), dove si crea sempre un feeling potentissimo tra il gruppo e il suo pubblico. Non ho avuto ancora modo di sentire/vedere il cd/dvd dal vivo recentemente pubblicato, ma non posso che stra-invitarvi ad andarli a vedere suonare (specialmente se siete abituati a cantautori giurassici o alla solita liturgia finto-rock).

Forti e diretti.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...