MIKEL ROUSE BROKEN CONSORT “A walk in the woods”, 1985, Crammed discs

Ancora un lavoro post-minimalista (si è capito che ho un debole per questo genere musicale ?).

Mikel Rouse è un compositore americano che, almeno inizialmente, con il suo gruppo, denominato Tirez tirez, realizza alcuni dischi vicini a certa post-wave tipicamente newyorkese (giro Byrne/Eno, tanto per capirci). In particolare segnalo l’LP “Story of the year“, pubblicato nel 1983 dalla Les Disques du Crépuscule (incredibile il ruolo di cerniera tra musica pop e musica sperimentale effettuato da questa etichetta negli anni ’80), dove già si potevano ascoltare alcune piccole avvisaglie della sua musica a venire.

Questa familiarità con la musica (cosiddetta) leggera si riverserà nei suoi dischi più ambiziosi, realizzati sotto il marchio del suo progetto denominato Mikel Rouse broken consort, dischi nei quali l’insegnamento minimalista (soprattutto quello di Philip Glass e Steve Reich) viene adulterato con una squisita sensibilità rock e funk e con una strumentazione che occhieggia a quella tipica della musica pop.

Durante gli anni ’80 realizza diversi dischi interessanti, il migliore dei quali, probabilmente, è questo “A walk in the woods“, 7 pezzi genericamente di media durata con un paio di brani che superano i 9 minuti.
L’organico di questo disco vede da un lato strumenti della tradizione colta (oboe, tromba, clarinetto, sassofono, violino, viola, fagotto) uniti con strumenti decisamente più moderni (basso elettrico, sintetizzatori, batteria elettronica), una scelta che sposa teoria e pratica di queste composizioni.

walkinthewoods-jpg

Si parte con “Friendship ’84“, archi a dettare il tema principale, tastiere e fiati a ricamarci sopra (vaghi echi dei coevi Soft Verdict) in un brano che sembra precipitare in una serie di spirali infinite.

Big pine II” gioca invece su rapide tastiere e allegre percussioni elettroniche in un continuo stop & go dove non si parte mai davvero e non si arriva mai da nessuna parte (è un complimento, sia chiaro).

Airland 2000” si caratterizza per svariati strumenti acustici che si rincorrono l’un l’altro per poi rallentare e poi accelerare nuovamente in un insistito (e ambizioso) gioco di contrappunti. “Hardfall” spicca per toni lunghi e sostenuti sui quali i fiati disegnano melodie ipnotiche e decadenti (e dissonanti), forse il brano più atipico del lotto. Segue “Winter in Wyoming“, una delle due composizione particolarmente lunghe, brano lento col violino in bella evidenza, tastiere ripetitive e melodia malinconica, per una specie di versione depressa (ma molto intrigante) di Wim Mertens.
The eloquent dissenter” nuovamente gioca con i contrappunti tra tastiere, basso elettrico e fiati, in una giostra di grande divertimento. Il disco si chiude con il brano che da il titolo all’album: tastiere glassiane estremamente ripetitive, violino e fiati a danzargli intorno, basso a segnare il ritmo per 9 minuti di magica apnea.

Alla fine degli anni ’80 Rouse abbandona queste sonorità per riavvicinarsi a dimensioni post-wave o comunque più vicine alla sua anima pop, per qualche disco lo seguo, ma poi, scontento della sua produzione, lo perdo di vista (non posso però escludere che nella sua ricca produzione recente o semi-recente ci possano anche essere cose interessanti).

Questo disco resta un lavoro interessantissimo, ancor di più nell’edizione CD, curata dalla stessa Crammed, nella quale viene accoppiato con un mini-LP realizzato insieme a Blaine L.Reininger che è un altro lavoro delizioso.

Peccato per come questo autore si sia poi indirizzato verso tutt’altre musiche, avrebbe potuto sicuramente regalarci altre perle.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...