SoundScapeS vol.14

Circa un anno e mezzo per arrivare a comporre questa nuova antologia,
indispensabile appendice del blog.

17 brani per i soliti 80 minuti (scarsi) di ottime canzoni spesso distantissime le une dalle altre (e con un paio di interpreti inaspettati per chi segue queste pagine).

soundscapes14ff

Stavolta direi che il mio gusto personale abbia segnato ancor più del solito la scelta dei brani.
Non a caso l’ho intitolata “Ricordi lontanissimi“, proprio perché molti dei brani (ri)emergono dalle nebbie del mio passato, riesumate da una sorta di oblìo inconsapevole al quale le avevo destinate.

Cose vecchie, ma anche recenti, una spolverata di Battiato (e dintorni), alcuni brani in spagnolo, per una raccolta che non so quanto vi potrà piacere, ma ho l’impressione dica molto di me.

A buon intenditor…


Chi fosse interessato non dovrà fare altro che contattarmi e darmi le coordinate per potergliela spedire tramite WeTransfer (per chi non lo sapesse, trattasi di una piattaforma che permette lo scambio di file fino a 2 gigabyte, è gratuita e non prevede alcuna iscrizione, in pratica io spedisco all’interessato un link, lui lo preme e tramite il suo browser, e seguendo una semplicissima ed essenziale procedura, scarica i file in poco tempo).
Volendo si possono richiedere anche le antologie precedenti.

SoundScapeS vol.13

Poco più di un anno ed è già ora di una nuova antologia.
Evidentemente sto tornando ad essere di bocca buona.

soundscapes13f

20 canzoni (scelte con gran gusto dal sottoscritto) per i soliti 80 minuti di eccellente musica, raccolte sotto il titolo pretestuoso “Incontri“, scelto in quanto molte delle canzoni presenti nascono dalla collaborazione, più o meno inattesa, di diversi artisti.

All’interno qualche recente prodotto della scena romana, qualche dinosauro proveniente dagli anni ’70, qualcosina dagli ’80, ma la ragione principale per avere questa raccolta (che è indispensabile compendio al blog) è ascoltare un arietta d’opera (meno di 3 minuti) per la quale ho letteralmente perso la testa.

Tu guarda gli effetti della vecchiaia.

Chi fosse interessato non dovrà fare altro che contattarmi e darmi le coordinate per potergliela spedire tramite WeTransfer (per chi non lo sapesse, trattasi di una piattaforma che permette lo scambio di file fino a 2 gigabyte, è gratuita e non prevede alcuna iscrizione, in pratica io spedisco all’interessato un link, lui lo preme e tramite il suo browser, e seguendo una semplicissima ed essenziale procedura, scarica i file in poco tempo).
Volendo si possono richiedere anche le antologie precedenti.

FRANCO BATTIATO, “L’eco di un cinema all’aperto 1”, 2013, Claritas records

Solo un consiglio.
L’ennesimo.
E pure gratis (come al solito).

Pochi sembrano sapere/ricordare che Battiato ha realizzato una cospicua serie di colonne sonore cinematografiche, in gran parte per film di Elisabetta Sgarbi, ma non solo, e anche diverse musiche per spettacoli teatrali. Tutti materiali ad oggi inediti.

Battiato è un nome commercialmente sicuro, non venderà più come una volta (nessuno vende più come una volta), ma garantisce buone vendite anche per prodotti non necessariamente facilissimi (lo zoccolo duro non perde mai un colpo), credo lo dimostrino anche le recenti vendite del “Telesio” che non dovrebbero essere state disastrose (pur essendo un disco non proprio di musica leggera, e senza passaggi televisivi per promuoverlo).

Raccogliere alcuni di questi materiali dovrebbe essere molto semplice e pochissimo costoso, e assemblare uno o più dischi contenenti queste musiche (lo ripeto, del tutto inedite) dovrebbe essere una scelta quasi scontata per chi gestisce i diritti sulle opere di un mostro sacro come Battiato. Basta poi non esagerare con la tiratura della prima edizione ed il gioco è fatto. Un’operazione che farebbe tutti contenti, da Battiato ai suoi ultra-fan passando per la casa discografica.
A titolo di esempio vi mostro questo primo molto ipotetico disco dedicato alle colonne sonore di 3 film di Elisabetta Sgarbi (ma prevede come bonus tracks anche alcuni estratti, sempre inediti, dalla colonna sonora di “Niente come sembra“, il terzo film di Battiato).

foldereco
Poi voi, case discografiche, se non avete voglia di lavorare con cognizione di causa e conoscenza della materia della quale vi occupate non vi lamentate se il fatturato scende sempre di più.

SoundScapeS vol.12

Pensavate che avessi smesso di produrre le mie periodiche antologie ? Invece rieccoci qui ad iniziare l’anno nuovo con la nuova raccolta/minestrone in appoggio ai miei scritti che torna dopo ben un anno e mezzo.

folder

Come solito sono quasi 80 minuti di (gran) belle canzoni (che poi non sarebbero tutte canzoni… ma l’importante è intendersi) sottotitolate “Bassa fedeltà” a causa della presenza di diversi brani che non si può dire suonino proprio benissimo.
Bootleg registrati benino, bootleg ufficiali registrati male, vecchi 45 giri dimenticati polverosi e gracchianti, live recuperati da trasmissioni televisive, brani pubblicati solo in mp3… insomma c’è dentro tanta musica arrivata a me tramite canali improbabili ma, attenzione, di assoluto valore e spesso superiore ai prodotti ufficiali. Perché a volte non è  tanto la pulizia formale quella che conta, quanto l’anima che c’è dentro certe note.

Chi fosse interessato non dovrà fare altro che contattarmi e darmi le coordinate per potergliela spedire tramite WeTransfer (per chi non lo sapesse, trattasi di una piattaforma che permette lo scambio di file fino a 2 gigabyte, è gratuita e non prevede alcuna iscrizione, in pratica io spedisco all’interessato un link, lui lo preme e tramite il suo browser, e seguendo una semplicissima ed essenziale procedura, scarica i file in poco tempo).
Volendo si possono richiedere anche le antologie precedenti.

50 (una autobiografia musicale involontaria)

Compiere cinquanta anni è un momento che, anche volendo, è difficile ignorare. Cambiano gli orizzonti, si abbandona definitivamente ogni appartenenza all’universo giovane, ci si approccia alla vecchiaia e alla (augurabile) pensione e, inevitabilmente, ci si trova a tracciare bilanci e a stilare analisi di ciò che si è fatto o non si è fatto.

Io ho voluto provare a fare un gioco: raccontare il mio percorso musicale in maniera non soggettiva ma oggettiva, realizzando quella che si potrebbe definire una autobiografia musicale involontaria.

Capita che in tutti questi anni si sia andati a tantissimi concerti, e capita pure che alcune di queste serate siano state immortalate su LP, CD o DVD ufficiali dagli artisti che siamo andati a vedere (no bootleg).

Ho provato a raccogliere tutte queste registrazioni alle quali ho partecipato (per quanto in maniera impercettibile), le ho messe in fila (un brano per concerto, anche se in alcuni casi ho approfittato dei medley) e credo che, effettivamente, siano un efficace (ed anche piuttosto completo) riassunto del mio percorso.

Singolare anche il fatto che tra queste registrazioni ci sia anche quella del mio primissimo concerto al quale andai giovanetto, eccitato come non mai, spendendo (credo) 5.000 lirette faticosamente messe da parte (erano anni di piccole paghette).

Tutto questo ha dato vita ad un doppio CD (diviso per secolo) che, chi volesse ascoltare, non deve far altro che chiedermi (gli verrà web-spedito gratuitamente tramite WeTransfer).

Per incuriosirvi vi specifico le track-list dei due dischetti (non fatevi ingannare, le tracce sono poche ma corpose):

folder

CD XX

  • 18/11/1979 – Roma (PalaEUR)
  • 05/05/1987 – Parma (Teatro Regio)
  • 02/09/1989 – Roma (villa Gordiani)
  • 07/01/1992 – Roma (CSOA Forte Prenestino)
  • 11/12/1993 – Roma (CSOA Ricomincio dal Faro)
  • 01/05/1994 – Roma (piazza San Giovanni in Laterano)
  • 26/06/1994 – Roma (CSOA Ricomincio dal Faro)
  • 02/07/1994 – Roma (CSOA Villaggio Globale)
  • 13/02/1998 – Roma (Teatro Brancaccio)

folder

CD XXI

  • 11/05/2002 – Roma (Auditorium Parco delle Musica)
  • 07/09/2003 – Roma (via dei Fori Imperiali)
  • 13/04/2005 – Roma (Auditorium Parco delle Musica)
  • 14/07/2007 – Roma (Circo Massimo)
  • 03/01/2008 – Roma (Auditorium Parco delle Musica)
  • 05/11/2010 – Roma (Teatro Tendastrisce)
  • 06/11/2010 – Roma (Teatro Tendastrisce)
  • 01/06/2011 – Roma (Auditorium Parco delle Musica)
  • 07/08/2011 – Roma (Casa del Jazz)
  • 21/10/2011 – Roma (Teatro Tendastrisce)

Naturalmente questo elenco nei prossimi mesi potrebbe ulteriormente arricchirsi di materiali recenti e meno recenti, ma non preoccupatevi, per il suo aggiornamento vi rimando ai festeggiamenti per i miei 60 anni

😉

 

SoundScapeS vol.11

C’è voluto un anno abbondante, ma ecco pronta per voi l’ennesima raccolta/minestrone in appoggio ai miei scritti e il cui ascolto è assolutamente in-dis-pen-sa-bi-le per cogliere ciò di cui parlo

80 minuti scarsi di ottimi brani, lasciatemelo dire, il cui sottotitolo, “Canti nomadi“, richiama una delle canzoni presenti (in una versione dal vivo da brividi) e dovrebbe richiamare anche le tante latitudini geografiche richiamate da questa antologia (dall’inevitabile Etiopia fino al Giappone, dalle isole siciliane alle colline marchigiane, dall’Australia all’Inghilterra fermandosi per ben 5 tappe a Napoli).

Chi fosse interessato non dovrà fare altro che scrivermi e chiedermi le coordinate per poterla scaricare tramite Emule (compatibilmente con le vicissitudini che il mio PC, come al solito, attraversa… presto partirà la traversata nel deserto verso un nuovo, e speriamo più stabile,  computer).

Chi in passato ha già ascoltato le mie raccolte sappia che il nome del file da cercare è sempre il solito con l’unica differenza che il numero finale questa volta è l’11.

FRANCO BATTIATO “L’alba dentro l’imbrunire 3”, 2011, Claritas records

Terzo (cioè quarto) capitolo di questa serie dedicata al recupero di tutto ciò che Battiato realizza lateralmente alle sue produzioni principali. Capitolo speciale perché caratterizzato esclusivamente da (solo) alcune delle tante collaborazioni con altri musicisti che il nostro ha combinato negli ultimi 4 anni (20 brani per 80 minuti).
Si va pertanto da brani di cui Battiato è co-autore e ai quali partecipa con un ruolo importante (con Carmen Consoli, Fiorella Mannoia, Solis string quartet, Mango…), a presenze significative in brani altrui (Tiziano Ferro, Isola, Etta Scollo, Pino Daniele…), a piccoli cameo in opere nelle quali il profumo della sua arte si avverte poco o niente (Claudio Baglioni, il punto più basso della raccolta, Francesco Renga, Lorenzo Palmeri…), per finire con la meraviglia dei 2 brani condivisi con Roberto Cacciapaglia (che da soli meriterebbero di uscire come singolo).

Due cose mi piace sottolineare in relazione a questa raccolta.

La prima riguarda le case discografiche. Come avrete notato negli ultimi anni hanno mostrato una vera e propria passione per le antologie (singole, doppie, triple, quintuple…). Peccato che nel selezionare i brani che fanno parte di queste raccolte peschino SEMPRE e SOLO i soliti brani con minime differenze (quando non ristampano direttamente vecchie raccolte cambiandone solo il titolo, neanche sempre, e la copertina). Ora io mi chiedo: va bene l’amore per il repackaging, ma possibile che a nessuno venga mai in mente di fare della raccolte, ad esempio, riunendo i duetti che un certo artista ha seminato lunga la carriera e disperso in mille album diversi ? Sarebbe, una volta tanto, una antologia utile e non il solito fritto misto banale e/o insensato. E la funzione di questo post è proprio quella di stimolare la fantasia di questi signori (che da quaggiù appare alquanto atrofizzata) in particolare riguardo Battiato che di duetti nella sua lunga carriera ne ha fatti davvero tanti.

La seconda riguarda la capacità che ha il Battiato interprete, pur con minimi interventi, di illuminare di una luce specialissima anche canzoni non proprio eccezionali. E’ quello che accade ne “L’alieno” di Luca Madonia (l’avrete visto all’ultimo Sanremo), in “Qualsiasi spinta” di Lorenzo Palmeri o in “Cosa ti aspetti da questa notte” dei Versus. Si ha proprio la sensazione, quando entra la sua voce, di un improvviso cambio di registro nella canzone che, improvvisamente, punta in alto verso vette impensabili fino a pochi secondi prima.

Piccoli miracoli che ogni volta ci rincuorano.

Un ringraziamento particolare all’autore della foto di copertina del/della quale purtroppo ignoro l’identità (mi è arrivata casualmente rimbalzando tra i fan di Battiato senza indicazioni sulla sua origine). Chiunque sia spero non se ne abbia a male per l’uso che ne ho fatto