GAVIN BRYARS “The sinking of the Titanic”, Point music, 1994

In queste settimane Bryars sta presentando, anche in Italia, una nuova versione, arricchita anche dall’apporto di una interessante parte visiva, di questo lavoro che, a distanza di oltre 30 anni dalla sua prima stesura, continua a svilupparsi e ad invecchiare davvero molto bene.
Già nel 1975 ne era stata pubblicata una versione all’interno della storica collana “Obscure“, curata da Brian Eno, ma fu questa l’incisione che gli diede meritata fama e successo grazie anche al fatto che, per la prima volta, veniva registrata in versione integrale per la durata di oltre un’ora.

A stuzzicare la creatività dell’autore fu il racconto di alcuni dei sopravvissuti al disastro del Titanic secondo i quali, mentre il transatlantico affondava, l’orchestra di bordo avrebbe continuato a suonare senza interrompersi se non quando la nave fu sommersa dalle acque. Secondo alcuni uno degli ultimi brani, forse proprio l’ultimo, a venir suonato fu un inno religioso intitolato “Autumn“.
Ed è proprio questo inno a costituire il materiale di base di questo lavoro. Bryars, come è tipico del suo stile, prende questa melodia e la dilata all’inverosimile ripetendola di continuo e lentissimamente. Il tentativo, assai riuscito, è quello di rappresentare, attraverso la ripetizione del tema e le sue variazioni, il lento affondare della nave, il suo progressivo cedere all’abbraccio dell’oceano, il suo ondeggiare indecisa su dove posarsi.
Fortunatamente il compositore non si fa prendere la mano dalla visione romantica di una nave che affonda e non dimentica, neanche per un attimo, che per centinaia di persone quella fu una tragedia in cui persero la vita.

Chiudendo gli occhi e abbandonandosi alle note dell’ensemble (in gran parte archi, ma anche clarinetti bassi, percussioni, un pizzico di elettronica ed un angelico coro di bambini) vi troverete all’interno di un mood di straordinaria tristezza e pace, sentirete, e vi sembrerà di poter vedere e toccare con mano, la nave che lentamente affonda cullata dolcemente dall’acqua che la accoglie nelle profondità dell’oceano.

Normalmente non amo la musica che racconta “altro” da se (non ho mai amato il romanticismo musicale e certe composizioni che descrivono, o si sforzano di descrivere, la natura o i sentimenti). Ma qui la forza evocatrice delle note è davvero straordinaria.
Raramente ho sentito musiche così tristi e allo stesso tempo così rassegnatamente serene. Raramente ho ascoltato composizioni capaci di ricostruire così fedelmente nello spazio sonoro ciò che è accaduto nello spazio tridimensionale.
Ma, attenzione, non si tratta di una semplice imitazione dei suoni reali (cfr. “Le quattro stagioni” di Vivaldi, a cui notoriamente viene preferita l’insalata), ma la ricreazione in musica di un evento che va molto oltre i semplici suoni.
Ascoltare questo CD significa affondare insieme al Titanic, condividerne la mancanza di speranza di salvezza, sentire il silenzio dell’oceano calmo rotto solamente dai rumori della nave che si spezza e dalla musica dell’orchestrina, significa lasciarsi avvolgere dalle materne acque oceaniche e adagiarsi sul fondo marino per essere infine avvolti da un silenzio gelido e assoluto.

Un’esperienza unica, per nulla rassicurante (e forse da evitare nei momenti di scoramento), ma non per questo meno intensa e bella.

4 thoughts on “GAVIN BRYARS “The sinking of the Titanic”, Point music, 1994

  1. mullahnasrudin scrive:

    Mi scusi, ma io a Vivaldi preferisco l’uva passa, che mi dà più calorie…
    a preferisco l’insalata se anzichè Autumn di Bryars sento “Autumn Leaves” o “Autumn in New York” cantate da Sinatra…

  2. abulqasim scrive:

    minchia che errore ! 🙂

  3. mullahnasrudin scrive:

    Sì, ha ragione, quella ‘a’ mi è scappata. Ma non dica quelle parole, Lei! Non si dice ‘errore’, suvvia! ;o)

  4. […] “The sinking of Titanic” di Gavin Bryars nella splendida esecuzione pubblicata dalla Point music a 5,90 euro […]

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...